James Patterson · Libri · Recensioni

Recensione: Buone feste, Alex Cross di James Patterson


Titolo:
Buone feste, Alex Cross
Autore:
James Patterson
Prezzo di copertina: 16,40 €
Pagine: 260
Editore: Longanesi
Genere: thriller
Formato: rilegato
Data di uscita: 12 novembre 2015

Sinossi

È la vigilia di Natale a Washington e, quasi a rendere tutto più suggestivo, sulla città che si appresta a festeggiare la notte più magica dell’anno inizia a cadere la neve. Anche a casa di Alex Cross tutto è pronto per una tranquilla serata in famiglia, sotto la guida dolce e decisa di Nana, l’energica nonna amatissima dal nipote e dai bisnipoti, capo indiscusso della variegata e allegra famiglia Cross. Il male, però, purtroppo non santifica le feste, e Cross riceve una chiamata urgente nell’attimo esatto in cui sta ultimando di decorare l’albero. Un noto avvocato ha sequestrato la famiglia e minaccia di uccidere tutti: l’ex moglie, i loro tre figli e il nuovo marito della donna. Il sequestratore, chiaramente sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, è sconvolto e vaneggia. Solo l’abilità di mediatore di Cross può risolvere, forse, una situazione potenzialmente disperata, cercando di capire, prima di tutto, che cosa ha spinto l’uomo a un gesto così estremo. Profondamente combattuto tra l’insopprimibile – e sacrosanto – desiderio di dedicarsi ai suoi cari e un fortissimo senso del dovere, Cross si reca sul luogo del sequestro, mentre la neve continua a cadere senza sosta, facendo affievolire le luci della festa. Questo crimine però non sarà l’unico della notte appena iniziata; chissà se Cross e la sua famiglia troveranno, prima o poi, la sera giusta per festeggiare…

Dicembre è iniziato, potevo non postare una recensione in tema “natalizio”?
Oggi vi parlo di “Buone feste, Alex Cross”, libro natalizio di James Patterson. È il primo di questo autore che leggo – lo so, lo so, lo so, devo per forza rimediare! – ma, se questo è l’inizio, sarà il primo di una lunga serie!
Iniziamo subito.

Il nostro protagonista, Alex Cross, è un detective, psicologo, padre di famiglia. È la vigilia di Natale, Alex è in casa con la propria famiglia per passare tutti insieme le feste, ma ecco che il telefono squilla. Alex, in veste di poliziotto, non può dire no, perché i pazzi, i problemi, il male non si fermano nemmeno a Natale. Per cui, è costretto a rispondere e fare del suo meglio per far finire al meglio la vicenda. A casa lascia la moglie Bree, la nonna Nana, e i tre ragazzi.
Da qui iniziano le buone feste di Alex.
La storia, comunque, nonostante sia nel periodo di Natale, non è esageratamente farcita di atmosfera natalizia. Il troppo stroppia, ma qui è tutto dosato molto bene.

Vedendo l’indice, il romanzo è suddiviso in tre libri, e all’inizio pensavo che questa divisione significasse che vi erano tre racconti, invece mi sembra più corretto dire che il primo, quello riguardo il sequestro della famiglia da parte dell’avvocato, sia un racconto, mentre ciò che verrà dopo è, volendo, un romanzo, per quanto breve; un romanzo breve.
Il prologo, a quanto pare, è ancora un altro breve raccontino a sé, sembrerebbe – potete smentirmi – ricollegato a un’altra storia vissuta da Cross.
I capitoli sono molto brevi, a volte anche di una sola pagina, ma questo rende la lettura molto veloce, ti fa entrare nella storia e finita una pagina, girare subito l’altra per vedere come continua.
Se il primo racconto è più soft, finito questo e cominciando il romanzetto le cose cambiano. Si entra in una storia più complessa, più lunga, più aperta e via dicendo. Tra l’altro, molto attuale con i giorni nostri.
C’è stato un punto in particolare che mi ha fatto venire letteralmente il mal di stomaco. Non in senso negativo o altro, proprio per ciò che viene narrato. È stato davvero molto toccante.

Perché dicevo che, nonostante questo sia il primo libro di Patterson che leggo, ne voglio leggere altri, in particolare della saga di Alex Cross? Perché l’autore è bravo a dirci qualcosa della storia di Alex, rendendolo un libro autoconclusivo di facile comprensione anche per chi non ha letto i precedenti, ma ci inserisce qua e là delle informazioni che ci invogliano a saperne di più sul protagonista. E io, da brava amante dei thriller e curiosona fino al midollo, voglio saperne di più. Ragion per cui pian piano cercherò di acquistare gli altri della serie Alex Cross.

In conclusione è un libro che mi è piaciuto, non ho nulla da ridire. Gli do un quattro stelle.

James Patterson è uno dei più grandi fenomeni editoriali dei giorni nostri, tanto da entrare nel Giunness dei primati per i suoi successi. È il creatore di personaggi famosissimi della narrativa di suspense come il profiler Alex Cross e le Donne del Club Omicidi e i ragazzi della serie di Maximum Ride. È l’autore più venduto al mondo, con 270 milioni di copie (più di 3,5 milioni in Italia): negli Stati Uniti, ogni 15 libri venduti, uno è firmato James Patterson, per un totale di 16 milioni di copie all’anno. Ale Cross – La memoria del killer è un film diretto da Rob Cohen.

The Bibliophile Girl

Segui The Bibliophile Girl
sito sito sito sito sito sito

Annunci

One thought on “Recensione: Buone feste, Alex Cross di James Patterson

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...